Mappa piano terra Mappa piano terra Ingresso storico Cortile dei Ticciati Corridoio dell'Opera Saletta introduttiva/Galleria delle Sculture Sala del Paradiso Sala dei frammenti Sala della Maddalena Cappella delle Reliquie Tribuna di Michelangelo Lapidarium storico Atrio del Teatro degli Intrepidi/Scalone nuovo

Sala del Paradiso

Piano Terra

Per antica tradizione, i cristiani chiamavano Paradiso lo spazio tra un battistero e la relativa chiesa, in allusione alla gioia di quanti, nuovamente battezzati, s’avviavano a partecipare per la prima volta all’Eucaristia. Fu probabilmente in questo senso che, come afferma Giorgio Vasari, Michelangelo definì “del Paradiso” la porta bronzea del Battistero prospiciente la Cattedrale, in un gioco di parole inteso a sottolineare l’eccelsa qualità del capolavoro di Lorenzo Ghiberti, degno del regno dei cieli.

In questa sala maggiore del Museo dell’Opera viene evocata la piazza corrispondente al ‘Paradiso’ fiorentino, delimitata a est dalla facciata del Duomo e a ovest dal Battistero. La prima facciata di Santa Maria del Fiore, mai completata e smantellata nel 1587, è stata ricostruita in base a un disegno di quell’epoca, e ciò ha permesso di ricollocare molte delle statue per essa scolpite nelle loro posizioni originali, di fronte alle porte istoriate del Battistero. Insieme a due sarcofagi romani visibili nella piazza dal Medioevo fino al Novecento e ai gruppi statuari cinquecenteschi sopra gli ingressi del Battistero, la facciata ricostituita riattiva il dialogo tra scultura antica, medievale e rinascimentale per cui Firenze fu celebre. L’umanesimo, che dà inizio all’era moderna della storia occidentale, ha qui la sua prima espressione monumentale.

06_Sala del Paradiso

Opere

Sala del Paradiso
Dottori della Chiesa, Niccolò di Pietro Lamberti e Pietro di Giovanni Tedesco - 1395-1401
Piero di Giovanni Tedesco - Lamberti Niccolò di Pietro detto Pela

Dottori della Chiesa, Niccolò di Pietro Lamberti e Pietro di Giovanni Tedesco - 1395-1401