Cupoletta emisferica - XVI secolo

Cupoletta emisferica - XVI secolo
Autore
Mestranze Fiorentine
Data
XVI secolo?
Tecnica

Muratura in laterizio a spina pesce

La cupoletta emisferica, in parte distrutta, risalente forse all’inizio del XVI secolo, è stata costruita con la tecnica brunelleschiana “a spina-pesce”. Rinvenuti nel 2012 durante i lavori di ampliamento del Museo, i resti di questa cupoletta testimoniano l’impiego della tecnica “a spina - pesce” che Filippo Brunelleschi ideò per voltare la grande cupola del Duomo senza l’ausilio di centine. Il particolare modo in cui sono disposti i mattoni fa sì che essi non scivolino in basso durante la fase di muratura e consente di seguire la curvatura della cupola in maniera autoportante. Al momento non è possibile accertare se questa cupoletta sia riconducibile o meno allo stesso Brunelleschi, come se si trattasse di una “prova in piccolo” della grande cupola cominciata nel 1420, perché i primi accertamenti al radiocarbonio sembrano datarla all’inizio del Cinquecento. È tuttavia una straordinaria esemplificazione visiva della tecnica messa a punto dall’architetto fiorentino.

Scopri le altre opere

Saletta introduttiva - Galleria delle sculture
Due Teste raffiguranti San Giovanni Battista
Tino di Camaino - Scultore fiorentino

Due Teste raffiguranti San Giovanni Battista

Rilievi in marmo e frammenti della Porta della Mandorla del Duomo -  1404 e 1409
Nanni di Banco (attr.) - Lamberti Niccolò di Pietro detto Pela - Donatello (attr.)

Rilievi in marmo e frammenti della Porta della Mandorla del Duomo - 1404 e 1409

Annunciazione per la parte superiore della Porta laterale del Duomo - XIV secolo
Guidi, Jacopo di Piero (attr.) - Giovanni di Balduccio (attr.)

Annunciazione per la parte superiore della Porta laterale del Duomo - XIV secolo