Aquile in marmo, Girolamo Ticciati

 Aquile in marmo, Girolamo Ticciati
Autore
Girolamo Ticciati
Data
1732
Tecnica

Scultura

La serie di sei Aquile in marmo è opera di Girolamo Ticciati ed è stata eseguita nel 1732. Queste aquile si alternavano ai rilievi con le storie di san Giovanni Battista e formavano la balaustrata davanti all’altare del santo situato in Battistero. Sotto le zampe di alcune aquile si vede tuttora il “torsello": un antico imballaggio per panni legato con una cordicella. L’aquila con il torsello fra gli artigli era infatti l’emblema dell’Arte di Calimala, una delle Corporazioni maggiori e più potenti dell’antica Firenze: ovvero quella dei mercanti che, da varie parti d’Europa, importavano stoffe e panni imballati nei torselli. La presenza di così tanti emblemi dell’Arte di Calimala ricorda il ruolo importante di questa istituzione, che per secoli ebbe il patronato sul Battistero, contribuendone all’abbellimento: anche l’altare di San Giovanni e la balaustrata furono realizzati nel 1732 da Girolamo Ticciati su incarico di questa Corporazione.

Scopri le altre opere

Cortile del Ticciati