Croce-Reliquiario della Passione (Croce della Granduchessa) - secc. XI-XVIII

Croce-Reliquiario della Passione (Croce della Granduchessa) - secc. XI-XVIII
Autori
Manifattura bizantina - Merlini, Cosimo - Holzmann, Bernardo
Data
secc. XI-XVIII
Tecnica

Sbalzo, fusione, cesellatura, incisione, smaltatura, molatura, intaglio, incastonatura

Dimensioni
Altezza: 130 cm; Larghezza: 74 cm; Profondità: 74 cm; Spessore: 28 cm;

Reliquiario detto “della Passione” o “Croce della Granduchessa” in oro, smalti policromi e gemme; realizzato in diverse fasi tra l’XI-XII secolo da artisti bizantini, nel XVIII secolo da Cosimo Merlini e Bernardo Holzmann.

Il reliquiario custodisce e mostra ai fedeli le reliquie legate alla Passione di Cristo, che testimoniano e fanno memoria del sacrificio del figlio di Dio, morto e risorto per la salvezza degli uomini. Tra le reliquie è conservato il frammento del legno della Croce e una spina della corona di rovi. Si ritiene che le reliquie siano arrivate a Firenze da Costantinopoli nel XV secolo. Il Granduca Cosimo II e la moglie Maria Maddalena d’Austria, Granduchessa di Toscana, commissionarono la realizzazione del grande reliquiario a forma di croce; da qui il nome di “Croce della Granduchessa”. Data la necessità di custodire reliquie così importanti, i committenti vollero un’opera creata con materiali pregiati: oro, smalti e gemme preziose.

Scopri le altre opere

Cappella delle Reliquie